Cerca nel catalogo

Benvenuto su LIBRERIA RINASCITA,   Accedi

  • TEATRO -SCATASTA MARCO

    TEATRO

    di SCATASTA MARCO

    prezzo: € 20,00

    Disponibile in libreria


    Verifica la disponibilitą

    in sintesi

    Marco Scatasta, morto a anni 73 nel 2001, è stato un autentico personaggio nella comunità ascolana del suo tempo. Dotato di una cordiale comunicativa che suscitava caldo senso di simpatia, era tenuto in grande considerazione per la riconosciuta competenza scientifica e per l'umanità con cui esercitava la sua professione di medico. Canzonatore non moralista dei difetti suoi e altrui, era convinto che gli uomini, deboli per natura e mediocri per circostanza, peccano per lo più contro le convenienze e solo raramente per volontà indirizzata al male. Ebbe molteplici interessi culturali e una mente di apertura universalistica; si occupò di scienza, arte e letteratura, dimostrando di possedere notevoli doti di scrittore e di critico.Alla produzione in dialetto ascolano (poesie e drammi) arrivò relativamente tardi, con intensificazione suscitata da un grande sforzo dell'intelletto e della volontà, durante la malattia che lo costrinse a interrompere la sua attività ospedaliera, relegandolo in casa. La nuova condizione lo portò a misurarsi, giorno dopo giorno, con la riflessione sul mondo circostante, nella fattispecie con la storia e la cronaca ascolana, e dei suoi concittadini arrivò a penetrare le qualità peculiari e distintive, le variazioni umorali, il senso primigenio. Riuscì, in tal modo, a indagarne con insistenza gli aspetti, a captarne i sussurri e gli echi, a scoprirne l'autenticità e la freschezza. E ne scrisse, in versi e in prosa, come essendo dentro le cose, anche dentro quelle ricuperate da tempi lontani, mentre gli eventi divenivano il promemoria di un flusso che, partito dalla sua infanzia, si era momentaneamente arrestato, per tornare poi a scorrere con ritrovata incontenibile gioia. Scatasta tornava cosi nel grembo della sua esistenza, dove affondavano le radici della verità e della poesia. In questa prospettiva egli scopriva I 'insostituibilità del dialetto: "Il dialetto è la lingua delle madri e, anche da adulti, serve ad esprimere concetti che stanno dentro di noi fin dall'infanzia"Il percorso psicologico e artistico è affine a quello di Eduardo De Filippo alla ricerca della "napoletanità " Ma Eduardo avverte l'amarezza e il disinganno del rapporto tra individuo e società, cogliendone i momenti con approccio morbidamente satirico, mentre Scatasta, pur non rimovendo del tutto quel rapporto, non lo considera tuttavia pertinente all'età dell'infanzia se non in una dimensione comica. Il ricupero dell'Infanzia in Scatasta è garantito dall'apporto simultaneo, e difficilmente scomponibile, di due straordinarie forze creative: il dialetto e l'ironia comica. Anzi la stessa genesi dei drammi si spinge proprio all'interno di un confronto col dialetto e con la cultura popolare e, in virtù di questo confronto, le vicende finiscono con l'essere unificate dall'ironia comica. Si incontrano anche spunti satirici, ma la satira ha una relazione piuttosto blanda col dialetto,in quanto il drammaturgo privilegia l'aspetto paradigmatico del patrimonio dial



    dettagli del libro

    Titolo
    TEATRO
    Autore
    SCATASTA MARCO
    Editore
    LIBRATI
    Anno
    2002
    ISBN
    978888769120